Prima la comprensione.

I social, un fantastico calderone di informazioni spesso qualunquiste – vere e false – che vengono prese seriamente in considerazione e divengono addirittura oggetto di interrogazioni.

Primo o poi si leggerà su Instagram o Tik Tok che è stato avvistato un asino volante senza patente, la notizia senza alcuna verifica verrà presa per verità infallibile e qualcuno prenderà spunto per scrivere una bella interrogazione all’Amministrazione.

Insomma un po’ come è accaduto per la consigliera Fraccaro, DOPO QUALCHE ASSENZA, un po’ annoiata, senza sapere cosa fare, un giorno si è messa a curiosare sui social e ha preso spunto per chiedere della municipalizzata.

Ed ecco che è stata “partorita” un’interrogazione che già dal suo esordio si capisce quanto possa essere politicamente seria.

In Consiglio Comunale sono state lette dal sindaco le risposte che sono state fornite direttamente dal Presidente della SAP, il signor Pariani, in quanto le domande formulate nell’interrogazione erano prettamente tecniche.

Tutte le accuse, dalle spiegazioni fornite, non hanno alcun fondamento.

In particolare, il vicepresidente Verderio era titolato e autorizzato da SAP a guidare il mezzo e aveva la facoltà di trasportare terze persone che sono regolarmente coperte da assicurazione.

E’ stato presentato da SAP un ricorso contro la sanzione pecuniaria e il fermo amministrativo che il mezzo compattatore ha ricevuto. Il Giudice di Pace di Gallarate ha sospeso in data 11/10/21 lo stato di fermo amministrativo del veicolo e in data 26/11/21 si terrà l’udienza del ricorso presentato da SAP. Solo allora la società potrà valutare le responsabilità e procedere con eventuali provvedimenti disciplinari, e solo quando fossero accertate effettive violazioni da parte della società il Comune potrebbe intervenire come ente controllore, peraltro insieme al Comune di Ferno. Qualcuno sembra dimenticare che Lonate Pozzolo è socio di SAP al 50%. Sarà che conviene farlo, quando le interrogazioni hanno lo scopo di un attacco personale.

Una migliore capacità di comprensione del testo nel leggere le risposte ricevute e una migliore preparazione da parte di Fraccaro o di chi la consiglia dal punto di vista normativo e procedurale l’aiuterebbe a essere più efficace nella sua attività politica.

Infatti la consigliera, di fronte a queste risposte chiare, lineari che esaurivano i castelli di sabbia della sua interrogazione, non si è mostrata soddisfatta, ma ha attaccato anche la professionalità del segretario comunale che a suo parere, non è la prima volta che non farebbe rispettare il regolamento comunale. Ha affermato che procederà ad informare il Prefetto.

Benissimo. Lo faccia pure –sua Eccellenza sicuramente avrà cose più importanti da fare-, ma concedendoci una curiosità: “Ma informare di cosa?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *