Mangiafuoco e i suoi burattini


Da qualche tempo a questa parte i Consigli Comunali lonatesi sembrano essersi trasformati nel vestibolo dell’Inferno dantesco; infatti gli scranni dove il centrodestra siede si svuotano magicamente ogniqualvolta ci sia una decisione da prendere.
Durante un recente Consiglio Comunale i Fantastici 4, paladini del nulla cosmico, si sono dati alla macchia e invece di restare al loro posto rispettando il mandato dei propri elettori hanno preferito spendere la serata altrove senza fare un’opposizione costruttiva, ma sottraendosi al loro compito ed evitando il dibattito democratico.
La scena si è ripetuta davanti alla richiesta di voto verso la mozione presentata dalla maggioranza. Forse perché senza argomenti, o forse perché ignavi dentro, come il buon Dante li avrebbe catalogati, hanno preferito non prendere posizione, ma sottrarsi al voto e fuggire.
Eccolo, il centrodestra! Sempre in fuga, senza argomenti da contrapporre che vestendo la felpa di novello Pinocchio, si muove e parla a comando, pilotato dai fili tenuti del loro non eletto Mangiafuoco seduto tra il pubblico che, a suon di messaggistica istantanea, dettava direttive e cose da dire evidenziando l’isteria senza senso delle frasi ripetute 8 milioni di volte e la sindrome del finto tonto che si ostina a non capire quattro concetti basilari e che devia il discorso per sfuggire da ciò che non conosce.
Come siamo finiti in basso! Quando non si hanno argomentazioni si tira di nuovo fuori la vecchia macchina del fango che produce notizie costruite ad hoc, distorcendo una realtà che il centrodestra non vuole comprendere, o forse ha il limite oggettivo di non riuscire proprio a capire.
Ed ecco di nuovo fingere, mentendo ai lonatesi, affermando di non aver avuto risposta sull’esodo (che non esiste) dei dipendenti comunali. Ma in Consiglio c’eravate voi o i vostri cloni?
Invitiamo pertanto i concittadini a non cadere nel tranello dei loro vaneggiamenti o nella loro bassezza politica che non ha nulla di costruttivo per Lonate Pozzolo, ma a seguire i Consigli Comunali e a verificare di persona le azioni dell’Amministrazione.
Ai consiglieri di minoranza ricordiamo che la sede del dibattito è il Consiglio Comunale, dove i vostri elettori si aspettano di vedervi dimostrare un minimo di consistenza. O inventerete motivi per scappare per tutti i prossimi quattro anni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *