Servizi educativi anche a distanza

 

In questo periodo di isolamento e di mancanza di contatto umano diretto, l’Amministrazione ha pensato di fare il possibile per mantenere i servizi educativi in essere presso le scuole del territorio attraverso l’attivazione a distanza di due servizi ritenuti di fondamentale importanza. 

La Cooperativa Kinesis si è mostrata disponibile alla conversione degli interventi del Servizio di pedagogia scolastica  in atto presso la scuola, in interventi a distanza. Questa nuova modalità vedrà la pedagogista impegnata in attivazioni dirette con i docenti della scuola, le educatrici dell’asilo nido e con le famiglie attraverso videomessaggi,chiamate, videochiamate, mail.

Il servizio in modalità a distanza mira a sostenere i docenti e le educatrici in questa complessa fase di progettazione degli interventi didattico-educativi con i propri alunni, oltre che mantenere attive le reti con i servizi territoriali per le situazioni di fragilità e marginalità socio-culturale. 

Esso avrà come finalità anche quella di offrire alle famiglie spazi individualizzati di confronto e di supporto educativo ed emotivo in questo momento tanto difficoltoso, nell’intento di sostenere e mantenere la relazione scuola- famiglia. 

La seconda azione, attuata con la collaborazione della Cooperativa Unison e dell’IC Carminati, riguarda l’attivazione di progetti educativi con modalità di intervento educativo a distanza attraverso videomessaggi, videochiamate, mail e strumenti idonei che possono diventare un valido strumento educativo in questo delicato momento storico. 

Queste modalità possono essere utili al mantenimento della continuità della relazione educativa diventando un prezioso momento di supporto per il minore e la sua famiglia. Supporto innanzitutto emotivo, ma anche cognitivo, per comprendere e affrontare al meglio la ‘situazione’ attuale che stiamo vivendo. Si ritiene importante l’attivazione di questa progettualità, pensando soprattutto ai minori affiancati dagli educatori scolastici o domiciliari e alle loro famiglie che spesso vivono in una condizione di fragilità socio-culturale e marginalità.
Attraverso modalità a distanza si potranno proporre anche attività ludiche da svolgere da soli o coi familiari e fornire supporto ai compiti.

Oggi più che mai è importante pensare diversamente  promuovendo, anche attraverso il virtuale, la RELAZIONE, principale strumento del lavoro educativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *