Trottano le menzogne, galoppano le bugie.

Dal comunicato del centrodestra emerge che la minoranza è la prima della classe nel disinformare la cittadinanza e nel diffondere notizie false pur di attirare un po’ di attenzione su di sé, screditando il buon lavoro di chi prodiga per il bene dei lonatesi. Evidentemente la sconfitta, a distanza di 18 mesi, brucia ancora e qualcuno digerisce a fatica il fatto di stare seduto tra gli scranni della minoranza.

Riteniamo opportuno, quindi, fare un po’ di chiarezza ed invitiamo a non credere a chi ha come unico hobby quello di gettare discredito.

Durante il Consiglio Comunale del 14 novembre è stata presentata la nuova convenzione tra i comuni dell’ambito distrettuale di Somma di cui fa parte anche il Comune di Lonate Pozzolo.

Partiamo dalla fine, dicendo che il bilancio del Comune di Lonate Pozzolo non vedrà aumento di costi riconducibili ai  nuovi assetti distrettuali.

Nel nuovo documento che va a normare i prossimi tre anni, ci sono delle novità rispetto al passato: finalmente viene risolta l’incongruenza che per anni è stata impropriamente portata avanti e che vedeva un sistema “zoppo” e anomalo in cui il responsabile che redigeva gli atti, non poteva firmarli perché non apparteneva al comune capofila. Tutti i segretari comunali che hanno visionato questa convenzione hanno concordato nel ritenere scorretta questa forma operandi, un’anomalia che non aveva motivo di esistere in quanto non funzionale al lavoro dell’Ufficio di Piano. Affinchè l’operato del responsabile, possa essere completo, questi deve avere la possibilità di firmare e assumersi pienamente la responsabilità degli atti che produce. 

Negli ultimi anni i tecnici hanno imparato a lavorare insieme così come le assemblee dei sindaci hanno trovato nella collaborazione un punto efficace per raggiungere gli obiettivi comuni. Sono tra l’altro cambiati gli scenari e l’impegno orario dell’Ufficio di Piano è raddoppiato, pertanto, le ore che erano dedicate a questo dal responsabile che il Comune di Lonate prestava, non erano più sufficienti a svolgere un lavoro completo.

L’assemblea dei sindaci ha perciò votato all’unanimità un cambiamento nell’organizzazione dell’Ufficio di Piano che porti vantaggi nel fornire e implementare i servizi ai cittadini.

In questo cambiamento il Comune di Lonate Pozzolo è riuscito a riportare nel proprio organico e a tempo pieno una responsabile di alto valore, indispensabile per i settori nei quali opererà. Da qualche mese infatti la Dott.ssa Cesprini, oltre ad essere responsabile dei Servizi Sociali e degli Uffici Cultura e Istruzione, è anche alla guida dei Servizi demografici, in seguito al pensionamento della precedente responsabile. Non c’è alcun aggravio sul bilancio comunale conseguente al rientro a tempo pieno della responsabile in quanto vengono compensate con il pensionamento della ex responsabile dell’Anagrafe.

L’Assemblea dei Sindaci dei 9 Comuni ha altresì stabilito al fine di gestire in modo efficace i progetti in corso e quelli a venire, che la quota che ogni comune verserà per la gestione dell’Ufficio di Piano passerà da 1,5 euro ad abitante a 3. 

Il beneficio ricadrà in primis sulle fasce più deboli partendo dalla tutela minori; spesso si tratta  bambini con un vissuto sfortunato ed infelice per i quali è necessario attuare misure adeguate al fine di garantire un’infanzia dignitosa. Verranno anche incrementati il servizio inserimento lavorativo dei disabili ed i servizi di salute mentale.

E’ disarmante leggere che il centrodestra ritenga che questi investimenti siano semplicemente un costo inutile, senza tener conto che questi hanno una ricaduta positiva perché liberano risorse umane che nei comuni potranno essere investite per migliorare i servizi sociali locali. 

Il centrodestra che si dipinge così competente, dopo anni di amministrazione, forse non è a conoscenza di questo? Oppure dipinge una realtà distorta in malafede?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *